Insonnia e CBD

Occhi aperti e acquosi, girarsi e rotolarsi da un lato del letto all’altro e nessuna posizione di riposo promette sollievo o addirittura relax nel tentativo di addormentarsi finalmente. Secondo gli studi attuali, un adulto su tre soffre di disturbi del sonno occasionali o frequenti. Ci sono molte ragioni per questo – secondo lo stato attuale delle conoscenze, i ricercatori conoscono circa 100 diversi disturbi del sonno. Tra queste ci sono quelle più ovvie come l’addormentamento o il sonno notturno, ma anche quelle più sconosciute come la sindrome delle gambe senza riposo, in cui le proprie membra interrompono ripetutamente il sonno agitandosi senza sosta. Gli effetti dei disturbi del sonno vanno da una grave stanchezza al mattino a violenti incubi e sonnambulismo patologico.

Oltre ai bastoncini chimici, come i sonniferi ad alto dosaggio o i rimedi omeopatici, che non hanno praticamente effetti comprovati, molte persone usano il CBD per i disturbi del sonno. Il CBD per i disturbi del sonno aiuta in modo naturale a calmare il corpo e soprattutto la mente. Il “coming down”, per così dire la dissolvenza dei pensieri coscienti, è massicciamente supportato dall’uso del CBD.

Cause – da dove vengono i disturbi del sonno?

Purtroppo, i disturbi del sonno possono avere una grande quantità di cause. Pertanto, l’indagine delle cause può diventare una questione piuttosto lunga, soprattutto per i malati e i loro medici. Fino a quando le cause non potranno essere trovate e trattate dal punto di vista medico o, per esempio, con una terapia psichiatrica, aiuterà le persone colpite a dormire finalmente di nuovo meglio, assumendo il CBD per i disturbi del sonno. Ma da dove vengono i problemi di sonno e quali possono essere le cause? I medici curanti parlano ripetutamente di diverse possibili cause. Questi includono…

  • disturbi psichiatrici
  • malattie cerebrali
  • disturbi respiratori notturni
  • problemi fisici
  • effetti indesiderati dei farmaci e delle medicine
  • alcune circostanze dell’ambiente in cui si dorme
  • abitudini di sonno profondamente radicate
  • questioni psico-sociali

Come funzionano i sonniferi

La modalità d’azione dei sonniferi è di solito definita visibilmente per il consumatore dalla classificazione in forti o su prescrizione medica, e da media a debole, i cosiddetti farmaci e preparati non soggetti a prescrizione medica.

Sonniferi forti – hanno un effetto ansiogeno e alleviano i crampi, calmano e permettono ai muscoli di rilassarsi e favoriscono il sonno.

Sonniferi deboli – come suggerisce il nome, i sonniferi deboli non solo hanno meno effetti di quelli forti, ma questo vale anche per gli effetti collaterali. Se c’è un rischio di dipendenza fisica e psicologica con i forti sonniferi, questo non è un problema. Fondamentalmente, i sonniferi deboli sono noti come antistaminici, melatonina e naturalmente sonniferi a base di erbe. Sebbene gli antistaminici siano farmaci contro le allergie, hanno anche un effetto soporifero. La melatonina, l’ormone del sonno, di solito aiuta a ripristinare il bioritmo naturale del corpo.

CBD nei disturbi del sonno – Come funziona il cannabidiolo?

A differenza del THC psicoattivo, il CBD non provoca uno stato di ebbrezza, ma lascia che il corpo torni in sé in una calma benevola e si rilassi completamente. Il CBD è anche usato nella sua forma pura come antidoto al THC.

L’effetto calmante del CBD nei disturbi del sonno si basa sul fatto che ha un effetto molto rilassante muscolare. Dopo l’ingestione, ad esempio sotto forma di olio CBD, l’effetto si verifica in media dopo circa 20 minuti. Il momento esatto dipende semplicemente dalla quantità e dalla costituzione fisica di chi lo prende. In contrasto con gli stati di ebbrezza, in cui il controllo sul corpo viene consapevolmente abbandonato, il CBD produce una calma interiore e una stanchezza completamente naturali.

Secondo uno studio dell’Università della California, i soggetti partecipanti che soffrono di insonnia hanno segnalato un miglioramento del loro sonno grazie all’uso di sostanze contenenti CBD. In un rapporto scritto da ricercatori dell’Università del Colorado, viene menzionata una paziente di 10 anni, una donna i cui disturbi del sonno erano basati su disturbi post-traumatici da stress. L’assunzione di olio CBD ha migliorato sia la quantità che la qualità del sonno.

Va menzionato anche uno studio dell’Università americana del Michigan. In questo studio, i ricercatori hanno chiesto direttamente alle persone che già usavano la cannabis come misura terapeutica sui loro problemi di sonno. La maggior parte degli intervistati ha affermato che i loro problemi di sonno sono causati dal dolore. L’uso di cannabis ha aiutato circa l’80% dei partecipanti a migliorare la qualità e la quantità del loro sonno. La cannabis è stata valutata da quasi tutti come un buon aiuto per dormire.

Dormire meglio con il cannabidiolo – CBD come coadiuvante del sonno

La riduzione del dolore è una delle ricette per il successo del CBD come coadiuvante del sonno. Lo sanno tutti: Se sei a letto con mal di testa, mal di denti o dolori agli arti, non riesci a dormire. Qui la CBD può prendere due piccioni con una fava. Da un lato, il dolore che viene tenuto sveglio viene alleviato grazie al CBD e, dall’altro, ci si risveglia in un sonno liberatorio grazie all’effetto rilassante del prodotto naturale a base di canapa.

Questo sonno migliore attraverso il cannabidiolo si ottiene grazie al fatto che il CBD migliora anche le malattie croniche dei muscoli e delle articolazioni. Fondamentalmente questo accade perché il cannabidiolo dilata le arterie e il CBD abbassa la pressione sanguigna in modo significativo. Così, i medici valutano anche la CBD come una vera e soprattutto efficace alternativa ai sonniferi.

I vantaggi del CBD in forma di olio, ad esempio, rispetto al THC sono molteplici. Da un lato il THC ha un effetto psicoattivo, il CBD no. Questo è anche il motivo per cui la CBD può essere venduta e acquistata legalmente in questo paese. A causa dei diversi dosaggi gli effetti del CBD possono variare. Più bassa è la dose, più ti tiene sveglio. Più forte è la dose, più calmante a soporifero funziona. Gli utenti possono scoprire da soli la giusta quantità di olio CBD senza alcun pericolo conducendo i propri test. Il sovradosaggio o il sottodosaggio non nuoce.

Conclusione

  • Il fatto che il CBD aiuta con i disturbi del sonno è quindi dovuto a vari fattori. Di particolare importanza sono l’idoneità del cannabidiolo come analgesico e il suo effetto calmante.

Quando si assumono prodotti contenenti cannabinoidi, ci possono essere interazioni con vari farmaci. Se assumete voi stessi dei farmaci, l’uso del CBD e di altri cannabinoidi deve essere discusso in anticipo con il vostro medico.