l’Effetto del CBD

Il cannabidiolo, o CBD in breve, si ottiene dalla canapa commerciale. La canapa è un’antica pianta utile e ornamentale della grande famiglia delle piante di canapa.  Anche se è nota a molte persone come la pianta da cui si ricava l’hashish e la marijuana, l’opinione pubblica è sbagliate. Al giorno d’oggi, la canapa è utilizzata anche come pianta medicinale, perché la scienza ha da tempo riconosciuto le molte proprietà positive della pianta. In questo articolo vogliamo discutere dell’effetto del CBD e delle varie applicazioni del cannabidiolo, uno dei cannabinoidi che si trovano nella pianta.

Come funziona il cannabidiolo nel corpo?

Il corpo umano ha un sistema endocannabinoide come parte del sistema nervoso. Questo sistema contiene, tra l’altro, recettori che reagiscono ai cannabinoidi endogeni, cioè ai cannabinoidi del corpo stesso, così come ai cannabinoidi forniti dall’esterno.

Oltre al cannabidiolo (CBD) ci sono una serie di altri cannabinoidi (più di 100 in totale). I cinque migliori ricercati sono tetraidrocannabinolo (THC), cannabicromi (CBC), cannabigerolo (CBG), acido cannabidiolico (CBDa) e cannabinolo (CBN).

I due principali recettori per il CBD sono il recettore dei cannabinoidi 1 (forma breve CNR1 o CB-1) e il recettore dei cannabinoidi 2 (forma breve CNR2 o CB-2).

Il recettore CB1 fa parte del sistema nervoso centrale. Si trova nel sistema nervoso dell’intestino, nel cervelletto e nei gangli basali (nuclei cerebrali e diencefali), così come nell’ippocampo. Il recettore CB2, invece, si trova principalmente sulle cellule del sistema immunitario e sulle cellule responsabili della formazione delle ossa.

Si presume anche che ci siano almeno altri tre recettori dei cannabinoidi, i cosiddetti recettori accoppiati alle proteine G. L’esatta funzione e il compito del sistema endocannabinoide non è ancora noto in dettaglio. Tuttavia, le due tesi secondo cui il recettore CB1 influenza i processi di apprendimento e di movimento e il recettore CB2 influenza il sistema immunitario sono state ora presentate.

Riassunto

  • L’effetto CBD è reso possibile dal sistema endo-cannabinoide dell’organismo stesso
  • I recettori più importanti sono i recettori CB-1 e CB-2.
  • I cannabinoidi dovrebbero attivare questi recettori e agire in modo naturale.

Malattie in cui la CBD può agire

Anche se la ricerca sul sistema endocannabinoide dell’organismo è ancora agli inizi, si può dire che l’olio di cannabidiolo, per esempio, ha diversi effetti medici. Ad esempio, la CBD non solo riduce il dolore e allevia i crampi, ma allevia anche l’ansia e riduce l’infiammazione. Inoltre, un altro effetto della CBD è quello contro la nausea. La CBD può essere utilizzata per le più diverse malattie e disturbi dovuti alle suddette proprietà. Qui di seguito troverete alcune possibili applicazioni della CBD:

Effetto CBD contro le paure e gli attacchi di panico

I disturbi d’ansia sono oggi più diffusi nella nostra società di quanto alcuni pensino. Come meccanismo di sopravvivenza ancorato alla natura umana, tuttavia, tali disturbi sono un grande peso nella vita di tutti i giorni e portano a notevoli limitazioni. Il rischio di disoccupazione, di crisi relazionali e di divorzio e, in ultima analisi, di suicidio, è notevolmente aumentato.

Non c’è solo un disturbo d’ansia specifico, ma molte forme diverse di ansia. Disturbi d’ansia sociale, paure vaghe e attacchi di panico sono comuni, insieme al PTSD (disturbo post-traumatico da stress).

L’effetto ansiogeno dell’olio CBD è stato dimostrato da studi scientifici. Conclusione, l’olio CBD può regolare e attenuare gli stati d’ansia grazie alla sua modalità d’azione.

CBD Olio contro il dolore

Gli antidolorifici, che sono disponibili gratuitamente in Germania, di solito aiutano in caso di dolore da debole a moderato. Per il dolore grave e cronico vengono spesso prescritti diversi oppiacei. La morfina e l’ossicodone sono particolarmente noti. Tutti gli antidolorifici prescritti dalla medicina convenzionale sono noti per i loro effetti collaterali spesso forti. Soprattutto, spesso hanno un enorme potenziale di dipendenza.

Uno studio israeliano dell’anno 2016 dimostra che grazie alla cannabis, il consumo di oppiacei nei malati cronici potrebbe essere significativamente ridotto. Si può ora presumere che risultati simili siano stati raggiunti con l’olio CBD.

Il cannabidiolo contenuto nell’olio CBD si combina con i cosiddetti recettori vanilloidi nel corpo. I cosiddetti canali TRP sono presumibilmente impossibilitati a trasmettere il dolore al centro del dolore del cervello.

L’effetto CBD può essere utile per i seguenti dolori:

  • dolore neuropatico
  • Dolore con il cancro
  • dolore postoperatorio
  • Fibromialgia
  • dolore muscoloscheletrico
  • artrite reumatoide

Effetto del cannabidiolo contro la depressione

Le depressioni sono ancora oggi trattate con vari farmaci della medicina convenzionale (antidepressivi, inibitori MAO, ketamina e inibitori della ricaptazione). Tuttavia, questi farmaci hanno spesso effetti collaterali da moderati a gravi (disturbi del sonno, problemi di stomaco, aumento di peso, ecc.) e nel peggiore dei casi possono peggiorare la depressione.

Come alternativa interessante, l’olio CBD può essere usato contro la depressione.

I cannabinoidi possono anche essere comunemente indicati come “sostanze chimiche per il benessere”. Questo fattore di benessere può essere sicuramente trasferito anche alla CBD. Nei test comportamentali con ratti e topi è già stato riscontrato che l’effetto del CBD può essere forte quanto quello degli antidepressivi.

Le dichiarazioni corrispondenti dei pazienti affetti da depressione sono ora disponibili su Internet. Il fatto è che la cannabis è stata usata per secoli come agente di miglioramento dell’umore. Il cannabidiolo ha un effetto simile, con l’ulteriore effetto calmante del CBD.

È importante che il paziente comprenda che, sebbene l’olio CBD possa aiutare bene contro i sintomi della depressione, la depressione stessa ha bisogno di una propria terapia. Questo dipende dall’innesco della depressione.

Effetto CBD contro lo stress e il burnout

In linea di principio, lo stress non è dannoso e non è definito inizialmente come una malattia. Lo stress positivo (il cosiddetto eustress) è persino importante per le persone per rimanere attive e poter svolgere i loro compiti. Tuttavia, lo stress negativo permanente o regolare (il cosiddetto stress) porta inevitabilmente a malattie, di cui la cosiddetta sindrome del burn-out è la più comune.

L’ansia, il panico e la depressione sono strettamente correlati allo stress negativo e non di rado sono scatenati da esso, o si manifestano quando lo stress mette a dura prova il corpo oltre i suoi limiti.

A causa dell’effetto dimostrato del CBD contro l’ansia, il panico e la depressione, è logico indagare anche l’effetto del CBD sullo stress e sul burnout.

Nella maggior parte delle persone il cannabidiolo può aiutare ad alleviare i sintomi dello stress cronico. Prendendo l’olio CBD, ad esempio, il corpo diventa più resistente agli effetti negativi dello stress.

Tuttavia, ora è sbagliato pensare che il cannabidiolo stesso riduca lo stress. Per una cura è necessario combattere le cause dello stress.

Pause sufficienti, gioia al lavoro, astinenza da alcol, nicotina, farmaci e altre droghe, così come una dieta sana e un regolare (ma moderato) esercizio fisico sono i mezzi migliori contro lo stress. In determinate circostanze, quando si è manifestata una sindrome da burn-out, è necessaria anche una terapia.

Tuttavia, il cannabidiolo è adatto a sostenere la gestione dello stress. I cosiddetti picchi di stress vengono intercettati e i sintomi vengono attenuati.

CBD nella SM (Sclerosi Multipla)

La sclerosi multipla (SM) è una delle malattie autoimmuni più gravi. In parole povere, le cellule T del corpo attaccano i nervi. Ciò causa una grave infiammazione del midollo spinale e del cervello. La sclerosi multipla è considerata ancora oggi incurabile.

Il trattamento di tali attacchi viene solitamente effettuato con diverse dosi di cortisone ad alto contenuto di cortisone o di chemioterapia. I peggiori effetti collaterali sono accettati e approvati. L’obiettivo è semplicemente quello di mantenere la qualità della vita. Una vera terapia o anche una cura per la SM non è possibile.

Come effetti collaterali della sclerosi multipla, oltre alle infiammazioni si manifestano anche i seguenti sintomi:

  • Dolore
  • Spasticità
  • grave affaticamento e stanchezza
  • Vertigini e disturbi della coordinazione
  • Disturbi della vista
  • Paure e incertezze

L’effetto della CBD può aiutare in vari modi nella sclerosi multipla a recuperare la qualità della vita in molte aree.

Come già detto, il principio attivo cannabidiolo può avere effetti analgesici e ansiolitici. I sintomi dello stress psicologico, le preoccupazioni e le paure per il futuro possono così essere alleviati in coloro che ne sono colpiti. La CBD riduce anche il possibile dolore cronico della SM.

L’effetto antinfiammatorio della CBD può anche alleviare i sintomi della malattia, secondo i rapporti di vari pazienti. Altri rapporti indicano che la spasticità nella sclerosi multipla è anch’essa ridotta. Qui sono certamente necessarie ulteriori ricerche. Tuttavia, poiché la CBD è liberamente disponibile e legale, non c’è motivo per cui non debba essere presa a sostegno del trattamento della SM.

Effetto del cannabidiolo nella malattia di Crohn

La malattia di Crohn è una delle malattie infiammatorie dell’intestino. La malattia può manifestarsi a qualsiasi età, ma di solito compare per la prima volta nell’infanzia o nei giovani adulti.

I sintomi più comuni della malattia di Crohn sono diarrea, dolori addominali e crampi, perdita di peso e grave affaticamento. A causa dell’infiammazione, il sangue si trova spesso nelle feci. Mentre alcuni pazienti soffrono di questi sintomi in modo permanente, in altri pazienti si manifestano solo ogni poche settimane o mesi.

La medicina convenzionale utilizza vari farmaci per il morbo di Crohn, tutti con gravi effetti collaterali. L’obiettivo è sempre quello di ridurre l’infiammazione intestinale. A questo scopo vengono utilizzati cortisone, steroidi e farmaci immunosoppressori. Le diete, a volte anche solo con cibi liquidi, hanno lo scopo di alleviare il dolore del morbo di Crohn. Se è possibile localizzare esattamente in quale parte dell’intestino si trova l’infiammazione, si cerca di tenere sotto controllo la malattia rimuovendo questa parte.

In uno studio condotto dal Meir Hospital e dalla Kupat Holim Clinic di Tel Aviv, Israele, sotto la direzione della Dr. Timna Naftali, (specialista in gastroenterologia) è stato dimostrato che la cannabis può migliorare significativamente i sintomi della malattia di Crohn.

Tuttavia, è diventato anche chiaro che l’infiammazione non migliorava con l’uso di cannabis. L’esatta causa del miglioramento dei sintomi dovrebbe essere studiata ulteriormente e su un gruppo più ampio.

Tuttavia, è sorprendente quanto sia buono l’effetto della CBD nella malattia di Crohn. Il cannabinoide migliora significativamente i sintomi della malattia in molti pazienti e quindi aiuta bene le persone colpite.

A causa dei forti effetti collaterali degli altri farmaci (cortisone, immunosoppressori e steroidi), l’olio CBD, ad esempio, può quindi essere un buon integratore per il trattamento del morbo di Crohn.

CBD – Effetti sul cancro?

Il cancro è il flagello del XX e XXI secolo. Mentre alcuni tipi di cancro possono ora essere trattati, altri sono ancora trattati con una terapia standard specifica per il cancro (ad esempio la chemioterapia o la radioterapia) e si spera che questa terapia abbia un effetto.

La chemioterapia in particolare, ma anche la radioterapia, ha spesso gravi effetti collaterali. È qui che la CBD può aiutare e alleviare le conseguenze di tale chemioterapia per molti pazienti. In particolare viene spesso riportato l’effetto positivo contro la nausea, che spesso si verifica dopo la chemioterapia. Ma anche le condizioni generali migliorano. Le ansie e i possibili dolori sono ridotti a un livello tollerabile.

I pazienti già emaciati dalla terapia antitumorale dovrebbero fare attenzione quando usano il cannabidiolo. Poiché l’effetto del CBD è quello di inibire l’appetito in modo naturale, l’uso è quindi controproducente.

La CBD combatte le cellule tumorali?

Ci sono anche alcuni studi che suggeriscono che un altro effetto della CBD potrebbe essere quello di ridurre la vitalità delle cellule tumorali. Tuttavia, la situazione dello studio è ancora piuttosto sottile in questo caso e non ci si dovrebbe assolutamente affidare esclusivamente all’assunzione di CBD, ma in ogni caso seguire pienamente le terapie suggerite dai medici curanti. Tuttavia, in pochissimi casi può essere dannoso provare l’effetto della CBD nel cancro come terapia complementare.

CBD in sovrappeso e obesità

Chiunque abbia un IMC (indice di massa corporea) compreso tra 25 e 30 è classificato come sovrappeso secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). A partire da un IMC di 30, uno è considerato obeso (obesità di grado 1). A questo punto si parla già di una malattia. Sulla base di questa definizione, si pone rapidamente la domanda: la CBD può avere un effetto sulla perdita di peso?

Un effetto della CBD è stato dimostrato essere il contenimento dell’appetito. Tuttavia, si può affermare chiaramente che l’olio CBD, ad esempio, è adatto come aiuto nel contesto di un cambiamento completo della dieta, ma non è assolutamente l’unico farmaco contro l’obesità.

Tuttavia, non c’è ragione per cui le persone che sono altrimenti sane e che stanno lottando con l’obesità o sono molto in sovrappeso non dovrebbero prendere cannabidiolo come parte di una dieta.

CBD nei reumatismi

Il reumatismo è una malattia articolare molto dolorosa. Oltre ai normali reumatismi, esistono anche malattie reumatiche come l’artrosi, i reumatismi dei tessuti molli e la fibromialgia, che si accompagnano anche a infiammazioni e dolori regolari.

Come si può leggere anche sul sito web della Lega svizzera per il reumatismo, il dott. pharm, ad esempio, raccomanda Manfred Fankhauser in un’intervista del 19.02.2019 raccomanda il cannabidiolo anche in combinazione con il THC per i reumatismi infiammatori. Mentre un effetto del CBD è quello di ridurre l’infiammazione, il THC mira a combattere il dolore. A suo parere è ottimale prendere tutti i cannabinoidi che si trovano nella pianta di canapa insieme. Tuttavia, se il medico curante non vuole prescrivere il THC, considera anche il CBD come un mono-preparato efficace.

Dottor Pharm. Fankhauser spiega anche che il CBD ha pochissimi effetti collaterali e può essere utilizzato per un lungo periodo di tempo senza causare problemi. È importante mantenere il dosaggio corretto.

Quanto è affidabile l’effetto della CBD?

In generale, va detto che la CBD non funziona altrettanto bene in ogni persona. Un effetto CBD non è mai certo e varia anche da persona a persona. Questo può avere molte ragioni. Ci sono persone il cui sistema endocannabinoide reagisce in modo molto più sensibile attraverso i recettori. Ci sono persone che reagiscono molto meno o in modo diverso ai cannabinoidi attraverso il trattamento farmacologico o la malattia di quanto sia noto.

Inoltre, la situazione dello studio non è ampia e completa. È quindi importante che nessuno faccia la cosiddetta promessa di una cura o pubblicizzi il fatto che la CBD funziona quando la vende. I prodotti CBD sono rimedi naturali che vengono venduti come integratori alimentari o simili. I rimedi naturali sono una benedizione della natura e ogni persona può provarli, ma non c’è mai una garanzia. È bello vedere che la CBD funziona per molte persone con diverse malattie.

Quando ci si può aspettare che la CBD sia efficace?

Come già detto, non ci deve essere un effetto immediato o addirittura a medio termine. In generale, tuttavia, ci sono alcuni punti da considerare:

  • iniziare con un basso dosaggio
  • aumentare il numero di gocce solo leggermente e ad intervalli regolari
  • prestare attenzione non solo ai sintomi, ma anche al benessere generale
  • “trattare” un periodo più lungo
  • testare un altro prodotto, se necessario

Con l’aiuto di questi suggerimenti, è possibile scoprire a breve, medio o lungo termine se un CBD avrà un effetto. Soprattutto, è importante utilizzare un periodo più lungo per il monitoraggio. Uno dei motivi è che, in determinate circostanze, i recettori devono ancora essere eliminati dai “siti contaminati”. Dopo tutto, il corpo è un sistema complesso e sensibile. Quindi date ai cannabinoidi il tempo di cui hanno bisogno!

Quando si assumono prodotti contenenti cannabinoidi, in determinate circostanze possono verificarsi interazioni con vari farmaci. Se assumete voi stessi dei farmaci, l’uso del CBD e di altri cannabinoidi deve essere discusso in anticipo con il vostro medico.