CBD nell’Emicrania

Luce, rumore della strada, conversazioni, tocchi – con tutto questo si ha la sensazione che il cranio stia per esplodere come una supernova – emicrania. Questa malattia neurologica si verifica tre volte più spesso nelle donne che negli uomini. Ma che sia donna o uomo, durante un attacco di emicrania i pazienti soffrono di sensibilità al rumore e alla luce, di nausea grave e di mal di testa di solito drammatici. Un attacco di emicrania può durare solo quattro ore, se si è “fortunati”, ma può anche durare 72 ore. Ciò che inizia con un “innocuo” sfarfallamento davanti agli occhi, poi si trasforma in un forte dolore alla testa.

È stato dimostrato che il CBD nell’emicrania ha un effetto rilassante e soprattutto antidolorifico naturale. Per questo motivo è stato a lungo considerato dagli esperti e dai malati di emicrania come molto più di un consiglio da addetti ai lavori.

Cause dell’emicrania

I medici, soprattutto i neurologi, distinguono le cinque fasi dell’emicrania. In breve, dopo lo stato normale indolore e senza sintomi, inizia la fase iniziale, seguita dalla breve fase di aura (qui si notano i primi sintomi), seguita dalla fase di cefalea grave, che si calma gradualmente nella fase di risoluzione e si calma nella fase di recupero fino al ripristino dello stato normale.

I fattori scatenanti dei sintomi noti e letteralmente knock-out possono essere, tra altre cose, una routine quotidiana cambiata, stress negativo, fluttuazioni ormonali, stimoli sensoriali troppo forti o una marea di emozioni particolarmente forti come la tristezza profonda o la paura.

Come funzionano i farmaci per l’emicrania

Alla fine di un trattamento dell’emicrania a base di farmaci, per molti malati, l’obiettivo è semplicemente quello di alleviare il martellante mal di testa. Questa forma di terapia acuta comprende antidolorifici (fluidificanti del sangue), rimedi contro la nausea e il vomito, nonché triptani, che agiscono in modo simile alla serotonina, sostanza messaggera del corpo stesso. Quest’ultimo viene utilizzato perché un equilibrio di serotonina disturbato nel cervello è anche fortemente sospettato di essere il fattore scatenante degli attacchi di emicrania.

Nei casi acuti, in cui l’uso privato dei farmaci non ha portato a un miglioramento significativo, spesso vengono chiamati i servizi di emergenza o il medico di emergenza. Di solito iniettano l’acido acetilsalicilico per via sottocutanea subito dopo l’arrivo e la diagnosi. Questo principio attivo, in forma indebolita, è alla base di molti antidolorifici da banco e da prescrizione.

CBD in emicrania – Come funziona il cannabidiolo?

Il CBD, la sostanza non psicoattiva della pianta di canapa, viene regolarmente utilizzata come misura preventiva nell’emicrania. Non si verifica uno stato di intossicazione come con il THC correlato – il CBD è persino un antidoto riconosciuto al THC. Gli studi suggeriscono che le proprietà rilassanti e antidolorifiche del CBD sono eccellenti come profilattico contro l’emicrania. È solo importante notare che un medico deve sempre essere consultato quando il CBD viene presa in combinazione con gli antidolorifici. Anche qui la regola è: la prudenza è meglio della clemenza.

Tuttavia, se siete già entrati nelle cinque fasi dell’emicrania, il CBD può essere utile in tutte le fasi. La lunga storia della canapa come pianta analgesica è talvolta basata sul CBD come principio attivo. In tutte le fasi dell’emicrania è importante negare o addirittura sopprimere il mal di testa. Le proprietà analgesiche del cannabidiolo sono una delle ragioni principali per l’assunzione di CBD negli attacchi di emicrania. Gli esperti sospettano che il cannabidiolo blocchi i recettori del dolore nel cervello dopo molti risultati positivi dei test. In questo modo la trasmissione dei segnali viene in gran parte evitata. Utilizzando il CBD, il consumo di antidolorifici fluidificanti del sangue può essere ridotto. Ciò significa che i pazienti sono meno gravati da effetti collaterali o possibili dipendenze.

Oltre a ridurre il dolore, il CBD aumenta il rilascio di serotonina, comunemente noto come ormone della felicità, nel corpo umano. Oltre alle sue proprietà stimolanti per l’umore, la serotonina è anche “responsabile” del controllo della nausea e del vomito. Studi su pazienti con emicrania hanno rivelato che durante un attacco la concentrazione di serotonina fluttua notevolmente. Le misurazioni prima, durante e dopo un attacco di emicrania hanno dimostrato che i livelli di serotonina aumentano prima di un attacco, ma diminuiscono rapidamente dopo.

Questa mancanza di serotonina è fortemente sospettata di scatenare i mal di testa palpitanti tipici dell’emicrania. Ed è qui che il CBD entra in gioco per regolare l’emicrania. Il cannabidiolo regola il rilascio di serotonina. Un equilibrio equilibrato assicura un rapido miglioramento dei sintomi dell’emicrania nausea e nausea. Il fatto che il CBD provochi anche la costrizione dei vasi sanguigni significa che anche i mal di testa sono ridotti.

Uno studio del 2018 ha fornito prove valide che esiste un legame tra il sistema endocannabinoide e l’emicrania. I sintomi di carenza potrebbero essere compensati anche con l’assunzione di CBD sotto forma di olio, ad esempio.

Con e senza aura – 2 tipi di emicrania

I medici distinguono due forme di emicrania: quelle con e quelle senza aura. Quella chiamata “emicrania comune” è quella senza aura. Di solito perché circa l’80-85 per cento delle emicranie sono di questo tipo. Ecco un semplice elenco di criteri che i pazienti e i medici usano per capire se questo tipo di emicrania è presente. I criteri includono

  • mal di testa da moderato a grave
  • mal di testa unilaterale, chiamata emicrania
  • Aumentare l’impatto attraverso l’attività fisica
  • carattere pulsante e palpitante del dolore

Mentre l’emicrania comune inizia bruscamente, il dolore e la nausea nell’emicrania con aura sono preceduti dai classici segni. Questi includono il disturbo visivo noto come “sfarfallio” (che può portare alla perdita del campo visivo), scotomi, la percezione di linee colorate e frastagliate e lampi di luce, così come disturbi emotivi e persino disturbi del linguaggio. In determinate circostanze, la paralisi può verificarsi anche durante l’aura. Questi sintomi dell’aura sono quasi impercettibili per più di un’ora. Tuttavia, il mal di testa di solito inizia dopo questo tempo. A questi seguono i normali sintomi ulteriori come la sensibilità alla luce, la nausea o la sensibilità al rumore.

Poiché anche il CBD inizia a fare effetto solo 15 minuti dopo l’ingestione, è possibile contrastare gli effetti drastici dell’emicrania stessa durante i sintomi dell’aura.

Ricerca attuale

Recenti ricerche che indagano il legame tra l’emicrania e gli effetti curativi del CBD esaminano anche il fattore che il CBD combatte i fattori scatenanti dell’emicrania. Questi fattori scatenanti sono per lo più lo stress e la mancanza di sonno. Poiché il CBD rilassa e favorisce un sonno sano e naturale, il CBD è il modo ideale per prevenire l’emicrania.

Conclusione

  • il CBD può essere usato sia preventivamente che per combattere i sintomi dell’emicrania.
  • è efficace contro il tipico mal di testa, la nausea e il vomito.

Quando si assumono prodotti contenenti cannabinoidi, ci possono essere interazioni con vari farmaci. Se assumete voi stessi dei farmaci, l’uso del CBD e di altri cannabinoidi deve essere discusso in anticipo con il vostro medico.