Come utilizzare CBD

Se state pensando di iniziare a prendere il CBD, all’inizio sorgono molte domande. In quale forma è presente il cannabidiolo? Prendo il CBD mentre mangio? Ci sono effetti collaterali? Per quanto tempo posso prendere i prodotti a base di cannabidiolo? In questo articolo imparerete tutto su come prendere il CBD e su ciò di cui dovreste essere consapevoli.

Prima di dare un’occhiata più da vicino all’uso del CBD, ci poniamo prima la domanda: Che cos’è il CBD? In parole povere, il CBD – chiamato Cannabidiol dal suo nome completo – è uno dei circa 500 ingredienti della pianta di canapa. È uno dei rimedi naturali più popolari dei tempi moderni, ma era già utilizzato migliaia di anni fa. Il vantaggio decisivo del cannabidiolo (CBD) rispetto al tetraidrocannabinolo (THC) è che ha numerose proprietà curative ma non inebrianti. Questo lo rende così popolare per la medicina alternativa.

Quali prodotti CBD sono disponibili?

Di gran lunga il prodotto cannabinoide più comunemente preso è l’olio CBD. Tuttavia, ci sono anche altre forme di dosaggio, come ad esempio

  • Capsule CBD
  • Cristalli CBD
  • CBD E-Liquidi
  • Crema CBD
  • CBD Cosmetici

Usare l’olio CBD correttamente

L’olio CBD viene solitamente preso attraverso la mucosa della bocca e dello stomaco. Per fare questo, si sgocciola il liquido in bocca con una pipetta o simili. Tuttavia, si raccomanda di non inghiottire immediatamente il cannabidiolo.

Suggerimento

  • Se usate olio CBD, mettetelo sotto la lingua e tenetelo lì per circa 1 minuto.
  • Il CBD viene poi assorbito rapidamente attraverso la mucosa orale, che è ben fornita di sangue.

Alcuni utenti trovano il gusto dell’olio CBD sgradevole e amaro. In questi casi, l’olio può naturalmente essere inghiottito direttamente e quindi entrare nel flusso sanguigno un po’ più lentamente attraverso il rivestimento dello stomaco. Quanto tempo ci vuole prima di sentire i primi effetti dopo aver preso l’olio? A questa domanda non si può rispondere in generale. In linea di massima vale quanto segue:

  • Se si tiene l’olio CBD in bocca per un periodo di tempo più lungo, l’effetto avverrà più rapidamente perché il composto viene assorbito attraverso la mucosa orale. Potete aspettarvi i primi effetti solo pochi minuti dopo l’ingestione.
  • Più lo stomaco è pieno, più lungo è l’assorbimento attraverso lo stomaco. A seconda di quanto avete mangiato prima, possono passare dai 15 ai 30 minuti prima di sentire qualcosa.

A differenza di molti farmaci, non è necessario assumere CBD (sotto forma di olio o altro) dopo i pasti. Al contrario: se si ha lo stomaco vuoto, il principio attivo può essere assorbito più rapidamente dal rivestimento dello stomaco e rilasciato nel flusso sanguigno. Inoltre non dovete preoccuparvi che il CBD assunta a stomaco vuoto danneggi il vostro stomaco. L’olio è facilmente digeribile. Tuttavia, non c’è motivo per non prenderlo durante i pasti.

Quali sono i vantaggi dell’olio CBD? Prima di tutto, il contenuto di principio attivo può essere abbastanza alto e un buon olio CBD è molto puro. Gli utenti segnalano spesso i seguenti vantaggi:

  • Dosaggio preciso e senza problemi – anche in viaggio
  • Efficacia rapida
  • Acquisizione relativamente poco costosa
  • Buona disponibilità sul mercato

L’unico piccolo svantaggio è il gusto a volte un po’ sgradevole. Dipende da quale olio vettore è stato miscelato l’estratto di CBD. L’olio della pianta di cannabis, per esempio, è un po’ amaro e può graffiare la gola. Altri oli come l’olio di cocco o di soia, invece, sono insapore. In alcuni prodotti vengono aggiunti anche oli essenziali come limone, zenzero, cannella, ecc. per dare all’olio CBD un gusto piacevole.

Se si preferisce utilizzare una forma di dosaggio diversa, questo non è un problema. Anche se l’olio di cannabidiolo è il più popolare, ci sono molti altri modi per prenderlo.

Assunzione di capsule CBD

Sul mercato si possono trovare cannabidiolo in capsule dure e morbide. Le capsule di solito contengono olio CBD, separato dall’aria esterna solo da una capsula digeribile. In questo caso, il principio attivo entra in contatto con l’organismo solo nello stomaco, cioè non appena il guscio della capsula si è sciolto nell’acido dello stomaco. Questa forma di assunzione ha il vantaggio che si risparmia il gusto forse sgradevole. Anche il dosaggio è molto semplice e non vi è alcun rischio di contaminazione. Naturalmente, avrete bisogno di un sorso d’acqua o simili per l’assunzione. Alcune persone hanno anche difficoltà a far scendere grandi capsule o compresse.

Usare correttamente i cristalli CBD

Quando il principio attivo CBD viene disciolto dalla pianta di canapa come sostanza pura durante la produzione, acquisisce una struttura granulare e porosa. Questi sono i cosiddetti cristalli CBD. Questi possono essere ulteriormente trasformati in altri prodotti CBD o presi direttamente. Gli utenti spesso riferiscono di mescolare i cristalli di CBD direttamente nei loro alimenti, ad esempio nello yogurt. Il contenuto di principio attivo di tali cristalli di CBD è molto elevato, in quanto contengono fino al 99% di CBD. Tuttavia, va notato in questa sede che si tratta di isolati CBD. L’effetto entourage, ad esempio, non si verifica in questo caso. Nonostante l’elevata purezza, i cristalli di CBD hanno alcuni ulteriori svantaggi:

  • Bassa penetrazione del mercato.
  • Il dosaggio esatto è molto difficile
  • Piuttosto impraticabile sulla strada

Cosmetici CBD: Cannabidiolo per uso esterno

Sempre più prodotti cannabidiolo sul mercato rientrano nella categoria dei cosmetici CBD. La selezione è particolarmente ampia qui. Oggi, per esempio, ci sono molte creme, unguenti, rossetti e molti altri prodotti con contenuto di CBD. Questi sono tutti per uso esterno, cioè vengono applicati sulla pelle. Da lì, il principio attivo raggiunge in parte anche il flusso sanguigno ed è quindi distribuito in tutto il corpo. I prodotti cosmetici CBD possono essere utilizzati sia per la cura della pelle che per il trattamento di varie malattie della pelle

Inalare CBD: E-liquidi

Naturalmente il cannabidiolo può anche essere inalato. Ci sono due forme principali di amministrazione per questo: Fiori CBD e E-Liquidi CBD. La vendita di fiori CBD a privati è più o meno illegale in Germania e quindi non è raccomandata. Inoltre, il fumo dei fiori CBD porta alla combustione, che produce numerosi inquinanti. A questo punto consiglio l’uso di un vaporizzatore, detto anche vaporizzatore. I vantaggi di un vaporizzatore sono l’assenza di sostanze inquinanti come il fumo, la buona efficienza e l’utilizzo del CBD e il gusto piacevole.

Un altro modo popolare e completamente legale di prendere gli E-Liquidi CBD. Questi liquidi possono essere “fumati” con l’aiuto di sigarette elettroniche. I liquidi in essi contenuti vengono vaporizzati. Il vapore, che contiene cannabidiolo (CBD), viene espulso nei polmoni attraverso le vie respiratorie. Il cannabidiolo entra poi nel flusso sanguigno attraverso le sacche d’aria nei polmoni. Sempre più consumatori ricorrono a tali E-Liquidi CBD. Il vantaggio: tali liquidi sono solitamente privi di THC psicoattivo. Lo svantaggio: per l’uso di CBD Liquids è necessaria un’attrezzatura tecnica adeguata. Inoltre, il cannabidiolo contenuto è di solito un isolato, per cui anche in questo caso l’effetto entourage non si applica.

Come funziona la CBD?

La CBD viene presa contro una serie di disturbi e malattie. E questo non solo di recente. Per migliaia di anni la gente ha apprezzato l’effetto curativo della canapa. Ciò che è nuovo, tuttavia, è il grande interesse della scienza. In tutto il mondo i ricercatori di tutto il mondo stanno studiando gli effetti della CBD sul corpo umano. È stato dimostrato che il cannabidiolo ha effetti antispasmodici, ansiogeni, antinfiammatori e soppressori dell’appetito, tra gli altri. Molte persone prendono anche la CBD per il dolore cronico. Ecco una panoramica delle possibili indicazioni per i prodotti cannabidiolici:

  • Mal di schiena
  • Dolori muscolari
  • Insonnia
  • Aumento dell’appetito
  • Fibromialgia
  • Nervosismo
  • Disturbi d’ansia
  • Epilessia
  • Diabete
  • Disturbi digestivi
  • Parkinson
  • Dipendenza da nicotina
  • Schizofrenia
  • Fobie sociali

Ci sono anche testimonianze di utenti che prendono il CBD per paura del palcoscenico. Recenti studi stanno studiando altre possibili applicazioni, come il cancro e le malattie infiammatorie croniche intestinali.

Nota – Le malattie gravi sono sempre nelle mani di un medico esperto. L’assunzione di CBD può spesso integrare il trattamento medico convenzionale.

Quanto tempo deve durare la CBD?

La risposta alla domanda quanto a lungo si dovrebbe prendere il CBD dipende dal motivo per cui si sta prendendo il cannabidiolo. Fondamentalmente ci sono tre diverse possibilità:

  1. Prendere quando serve
  2. L’uso temporaneo come cura
  3. L’assunzione permanente

Prendere CBD quando c’è bisogno

Un tipico esempio di uso basato sul bisogno è il paziente con dolore acuto o con crisi epilettiche. La CBD viene assunta in aggiunta ad altre terapie del dolore – a volte, tuttavia, anche come unico principio attivo – nel dolore acuto. Che si tratti di emicrania, mal di schiena o tensione: molti pazienti si sentono presto quando un attacco di dolore è imminente. Se presa in tempo, la CBD può quindi contribuire ad un rapido sollievo.

Anche contro la paura da palcoscenico o prima dei test il CBD è spesso preso come sedativo. Qui gli utenti approfittano dell’effetto rilassante, ma non inebriante. Tuttavia, non è possibile dire con esattezza fino a che punto abbia senso prendere la CBD su richiesta. L’esperienza dimostra che il cannabidiolo ha un effetto diverso su ogni corpo. Mentre per alcuni utenti l’effetto è immediato, per altri può richiedere fino a diverse settimane.

L’uso temporaneo come cura

A volte è utile prendere la CBD sotto forma di cura. Un dolore più duraturo è un motivo comune per prendere CBD per diverse settimane, così come periodi di grande tensione mentale e fisica, per esempio le fasi di esame. Qui il CBD aiuta l’utente a stare più calmo da un lato e dall’altro a rilassarsi meglio dopo il “lavoro fatto”. Molti pazienti affetti da emicrania riferiscono di aver ottenuto intervalli più lunghi senza dolore con una cura a base di CBD. Un buon esempio per l’uso temporaneo di cannabidiolo è anche il dolore mestruale o i crampi mestruali.

Prendere CBD in modo permanente

È anche possibile prendere CBD per un periodo di tempo illimitato, a meno che non vi sia una ragione medica per non farlo. Questa è in realtà la forma più comune, perché il cannabidiolo è molto adatto anche come integratore alimentare. Le proprietà antinfiammatorie, antispasmodiche e sedative sono positive per l’organismo umano. Studi clinici hanno scoperto che i pazienti ansiosi e in preda al panico, in particolare, traggono vantaggio dall’uso a lungo termine diventando più calmi. Questo è stato trovato sia nell’uomo che negli studi sugli animali. Per le malattie croniche, soprattutto il dolore, può essere utile anche un’assunzione a lungo termine di CBD. In ogni caso, parlate con il vostro medico e fate attenzione a possibili cambiamenti negativi.

Domande frequenti sul cannabidiolo

Overdose CBD – Cosa fare?

Poiché il cannabidiolo non è né inebriante né tossicodipendente, il principio attivo è considerato molto sicuro. Tuttavia, ci sono alcune cose che dovreste considerare prima di prenderlo.

Spesso i principianti sul campo vogliono sapere cosa può succedere quando si ha un’overdose di CBD. Va notato che, a differenza del THC (e della maggior parte delle droghe), l’overdose di CBD è relativamente innocua. Gli studi hanno dimostrato che anche un’overdose significativa non ha causato alcun danno all’utente. Le persone colpite mostravano solo una stanchezza molto forte e avevano sonno. In alcuni casi, la pressione sanguigna può anche essere significativamente abbassata. Un’overdose non è quindi ancora auspicabile. Inoltre, il vecchio detto “molto aiuta molto” non è assolutamente vero quando si prende la CBD. Si dovrebbe quindi sempre iniziare con basse dosi di CBD e aumentare lentamente fino a raggiungere l’effetto desiderato. Se non vi sentite bene dopo l’assunzione di cannabidiolo, si raccomanda di interrompere l’assunzione e di consultare un medico, se necessario.

Gli effetti collaterali sotto l’uso di CBD sono estremamente rari. Non sono noti danni fisici gravi. In alcuni utenti sono stati osservati solo i seguenti effetti indesiderati:

  • Fatica
  • Sonnolenza
  • Vertigini
  • Bassa pressione sanguigna

Sei in grado di guidare dopo aver preso la CBD?

Guidare sotto l’influenza del THC è noto per essere severamente proibito ed è severamente punito dalla legge. Potreste quindi chiedervi se vi è ancora permesso di guidare un veicolo dopo aver preso il CBD. Qui bisogna fare una distinzione. In generale ti è ancora permesso di guidare una macchina anche sotto “l’influenza del CBD”, perché il cannabinoide non provoca alcuna intossicazione e non influisce sulla tua capacità di guidare. Tuttavia, va notato che alcuni prodotti a base di cannabidiolo possono anche contenere una piccola quantità di THC.

In Germania, ad esempio, questo può essere dello 0,2%. Anche se tali piccole quantità non possono causare intossicazione, sono teoricamente rilevabili nel sangue o nelle urine dell’utente. Mentre la stragrande maggioranza dei dispositivi di prova non rileva e non visualizza affatto concentrazioni così basse, è tecnicamente possibile e in passato ci sono stati alcuni casi in questa direzione. Quindi, se avete serie preoccupazioni a questo proposito, potreste voler considerare l’uso di prodotti privi di THC.

Chi dovrebbe astenersi dal prendere la CBD?

Soprattutto le donne incinte e le donne che allattano dovrebbero evitare di prendere la CBD. Gli studi attuali indicano che il cannabinoide potrebbe avere un effetto negativo sulla funzione della placenta. Inoltre, l’effetto della CBD sui bambini piccoli non è stato ancora ben studiato. Per questo motivo, si consiglia di non prendere alcun prodotto durante queste fasi della vita.

Inoltre, è necessario consultare un medico se si desidera assumere la CBD insieme ai farmaci. In alcuni casi possono esserci interazioni indesiderate.

Sono possibili interazioni con altri farmaci?

Sì, occasionalmente il cannabidiolo può interagire con altri farmaci. Ciò significa che aumenta o diminuisce l’effetto degli altri farmaci. Parlate con il vostro medico se avete intenzione di prendere CBD e state prendendo uno dei seguenti tipi di farmaci:

  • antidepressivi
  • Benzodiazepine
  • Betabloccante
  • Farmaci contro il glaucoma
  • antipiretici (farmaci contro la nausea)
  • Oppiacei e diclofenac
  • Anticoagulanti
  • Farmaci antiallergici
  • Farmaci immunosoppressori
  • Medicamento con attività di aumento della frequenza cardiaca

Se assumete questo tipo di farmaci, non significa automaticamente che non potete assumere CBD. Tuttavia, si consiglia di consultare sempre il proprio medico in anticipo e, in caso di dubbio, di evitare l’uso di preparati contenenti cannabidiolo.

Suggerimento – Fare attenzione all’uso di CBD e al consumo contemporaneo di alcolici.

Quando mai non dovrei prendere il cannabidiolo?

In realtà, ci sono alcune controindicazioni che precludono l’uso della CBD. Questi includono, prima di tutto, la gravidanza e l’allattamento di cui sopra. Ulteriori controindicazioni sono:

  • Malattia del fegato: In studi su animali, i ricercatori hanno dimostrato un potenziale effetto dannoso per il fegato del CBD nei topi. In che misura questo vale per gli esseri umani è attualmente oggetto di ulteriori indagini. Fino a prova contraria, le persone con malattie del fegato dovrebbero astenersi completamente dal cannabidiolo – in qualsiasi forma.
  • Glaucoma: L’uso regolare di CBD può aumentare la pressione intraoculare. Nelle persone sane questo è innocuo, ma il glaucoma può essere aggravato o la sua terapia può essere ostacolata.
  • Malnutrizione: A differenza del THC (che aumenta fortemente l’appetito) il cannabidiolo riduce la fame. Questo viene utilizzato a scopo terapeutico in pazienti con un eccessivo appetito. Tuttavia, la CBD non è adatta a persone gravemente malnutrite e indebolite che comunque non mangiano abbastanza.

Quando si assumono prodotti contenenti cannabinoidi, è possibile, in determinate circostanze, interagire con vari farmaci. Se assumete voi stessi dei farmaci, l’uso del CBD e di altri cannabinoidi deve essere discusso in anticipo con il vostro medico.

Carrello
Consenso ai cookie con Real Cookie Banner